Selettore Picto – 15 – Crea una nuova pagina di pittogrammi

15. CREA UNA NUOVA PAGINA DI PITTOGRAMMI

Video tutorial

Esercitazione

Picto Selector ci offre la possibilità di creare pagine di pittogrammi da stampare, utilizzando tutti gli strumenti che abbiamo mostrato nel capitolo del Pictogram Creator. La gestione della pagina del pittogramma è simile a quella della creazione di diapositive in PowerPoint o OpenOffice Impress. Cercheremo di utilizzare un semplice esempio per non complicare e allungare questo capitolo, anche se consigliamo di esplorare e provare tutte le possibilità offerte dalle pagine dei pittogrammi.

Per iniziare a creare la nostra pagina glifo, selezioniamo Nuova pagina glifo nella casella a sinistra e appare una finestra pop-up in cui possiamo selezionare tra una procedura guidata Pagina vuota o Usa fogli pittogramma,che abbiamo già descritto in un capitolo precedente. Nel nostro esempio, useremo una pagina vuota, poiché vogliamo creare una mappa concettuale sul pesce.

È molto importante prestare attenzione allacasella a destra,poiché ti offre tutte le opzioni e le proprietà degli elementi e degli strumenti che useremo nel nostro foglio. In questo caso, quando utilizziamo la nostra prima pagina vuota, ci offre un’opzione molto interessante per utilizzare una griglia sulla nostra pagina e aiutarci a posizionare più facilmente tutti gli elementi che stiamo per introdurre. Puoi attivarlo/disattivarlo in qualsiasi momento. D’ora in poi, possiamo osservare le proprietà di qualsiasi elemento in questo riquadro. Nel nostro esempio, non attiveremo la griglia in modo che gli screenshot possano essere visualizzati in anteprima meglio.

Possiamo far scomparire i due menu laterali per visualizzare la nostra pagina di pittogrammi a grandezza naturale, utilizzando le due frecce sulle barre che indichiamo nell’immagine seguente.

Prima di iniziare a lavorare sulla nostra pagina facciamo due consigli.

Il primo è che inserisci il nome della tua pagina. Nel nostro esempio l’abbiamo chiamata MAPPA CONCETTUALE DEI PESCI.

Il secondo è un dettaglio che dipende dalla risoluzione del monitor. Per visualizzare il tuo lavoro a grandezza naturale, devi attivare lo Zoom alla percentuale che ti consente una visualizzazione completa della pagina. Nel nostro caso, dovremmo utilizzare il 50%, ma affinché le immagini siano più dettagliate nelle acquisizioni a volte utilizziamo il 75%.

Iniziamo a creare la nostra pagina dei glifi. Abbiamo spiegato tutti gli strumenti che utilizzeremo nei diversi capitoli di questo tutorial, quindi non ci soffermeremo a spiegarli nuovamente.

Per iniziare, nella parte superiore della nostra pagina dei glifi abbiamo introdotto quattro glifi utilizzando il finestra pop-up del pittogramma. Semplicemente, quello che dobbiamo fare è trovare il pittogramma, trascinarlo sulla nostra pagina e ridimensionarlo. In uno di essi abbiamo inserito il testo; nel resto, non abbiamo contemplato questa opzione.

Successivamente, introdurremo Bézier Lines per dare uno sguardo alla nostra pagina. Per fare ciò, fai clic sullo strumento Linea di Bézier e nella finestra pop-up che appare possiamo configurare il formato e le proprietà della nostra linea. Un’opzione molto interessante è la possibilità di aggiungere testo. Questo testo si adatterà al modo in cui diamo la nostra linea, quindi l’effetto è spettacolare. Tieni presente, come abbiamo spiegato nel capitolo corrispondente, che le linee di Bézier sono linee rette che possiamo modellare utilizzando punti di ancoraggio.

Nel nostro caso abbiamo aggiunto diverse righe in alto e l’aspetto della nostra pagina inizia a prendere questa forma.

Per rendere la nostra pagina più dinamica, abbiamo introdotto diversi pittogrammi di codici QR collegati a diversi video su YouTube sui pesci.

Abbiamo continuato a completare la nostra pagina con pittogrammi, linee Bézier e codici QR ed ecco il risultato finale.

Vediamo il risultato finale. Per fare ciò andiamo al menu File e selezioniamo l’opzione Stampa per visualizzare in anteprima il risultato ed eseguire una delle azioni: Salva come file PDF,Salva come file grafico o Stampa.

Il risultato finale è fantastico. Sicuramente ci divertiremo molto a lavorare con il nostro schema e impareremo molte cose nuove sul mondo dei pesci o sul mondo che immagini 🙂

Selettore Picto – 14 – Creatore di pittogrammi

14. CREATORE DI PICTOGRAMMI

Video tutorial

Esercitazione

Picto Selector è un’applicazione che raccoglie grandi “gioielli” tra le sue caratteristiche, opzioni e risorse. Senza dubbio, uno di questi è il Creatore di pittogrammi. Questo è uno strumento fantastico per combinare diversi pittogrammi e comporre un pittogramma personalizzato adatto alle esigenze di qualsiasi persona. Per accedere a questo strumento, andiamo sulla barra dei menu e selezioniamo Glyph Creator e, all’interno di questo menu, selezioniamo Crea nuovo foglio glifo personalizzato.

Come puoi vedere, quando esegui questa azione, la consueta interfaccia di Picto Selectorcambia e diventa una “tabella virtuale” in cui combineremo diversi elementi per creare il nostro pittogramma personalizzato.

Concentriamo la nostra attenzione sulla barra degli strumentiche compare in alto e che include tutti i tipi di pittogrammi di cui abbiamo già parlato nei diversi capitoli di questo tutorial e aggiunge nuovi strumenti: caselle di testo, frecce, forme geometriche, cliparte vari altri. tipi di linee per creare grafici e diagrammi.

DESCRIZIONE DEGLI STRUMENTI PER IL CREATORE DI PICTOGRAMMI

Spiegheremo individualmente ciascuno degli strumenti che appaiono in questa barra degli strumenti di Pittogram Creator. Alla fine del tutorial creeremo un esempio concreto e semplice, realizzato con alcuni di essi, per inserirlo nella nostra scheda pittogramma.

1. Caselle di testo

Le caselle di testo ci consentono di inserire testo all’interno di varie figure geometriche. Per attivare questa funzionalità, selezioniamo una qualsiasi delle quattro forme e nell’area di lavoro trasciniamo il cursore e rilasciamo. Quando viene rilasciato, viene visualizzata la finestra Proprietà.

In questa finestra Proprietà, possiamo inserire il nostro Testo e configurare i diversi parametri della nostra casella di testo: Colori di sfondo,Luminosità riempimento, Tipo di carattere, Colore e stile del bordo, ecc. Ti consigliamo di eseguire diversi test e visualizzare in anteprima i risultati nella finestra a destra. In questo modo potrai familiarizzare con il formato di questi tipi di elementi e configurare la tua scatola personalizzata finale.

2. Figure geometriche

Gli elementi successivi sulla barra degli strumenti sono quattro figure geometriche e una linea di Bezier. Tutti questi elementi sono configurabili. Per fare ciò, trasciniamo uno qualsiasi dei vertici con il mouse e vedrai come cambia l’aspetto di queste forme.

3. Testo fluttuante

Successivamente, inseriremo un testo nel nostro pittogramma. Per fare ciò, abbiamo un’icona Testo che ci consente di accedere a una finestra pop-up da cui possiamo inserire e configurare lo stile del testo.

4. Icone

Se facciamo clic sull’icona, accederemo a una finestra da cui possiamo selezionare un’icona dal database che incorpora l’applicazione.

Per fare ciò, fai clic sulla scheda in alto a sinistra, dove si trova la bicicletta, e accederemo all’intero database da cui potremo selezionare l’icona desiderata. Una volta selezionato, possiamo configurarlo con tutte le opzioni disponibili fino ad ottenere il risultato finale desiderato.

5. Immagini grafiche

Lo strumento Grafico ti consente diinserire immagini e fotografie dal tuo computer sullo schermo del creatore di pittogrammi. Una volta selezionato, trascinando il mouse sullo schermo si aprirà Esplora file in modo da poter individuare e inserire l’immagine desiderata. Possiamo anche utilizzare il menu Apri foto… per eseguire questa azione, se facciamo doppio clic sull’immagine inserita.

5. Clipart

Lo strumento Clipart consente di inserire immagini predefinite ed elaborate da OpenClipart, uno dei più grandi repository di clipart gratuite su Internet. Per inserire un’immagine clipart, selezioniamo lo strumento e trasciniamo il mouse sulla schermata di creazione del pittogramma. Nella vendita pop-up, possiamo eseguire le ricerche direttamente in inglese oppure possiamo scrivere il testo nella nostra lingua e premere Traduci. La traduzione apparirà nella finestra in basso e dovremo solo usare l’opzione Cerca. Una volta individuata l’immagine desiderata, fare clic su Ok e l’avremo inserita nel nostro creatore.

6. Linee di Bézier

Uno degli strumenti più curiosi che Picto Selector include e che possiamo utilizzare nei nostri pittogrammi personalizzati sono tre tipi di linee Bézier (diritte, curve e chiave). Questi tipi di linee hanno diversi punti di ancoraggio che consentono di manipolare i diversi tipi di linea e trasformare la linea retta in una curva. Per utilizzarne uno qualsiasi, fai clic sull’icona e si aprirà una finestra pop-up in cui possiamo configurare tutti i parametri della nostra linea. Questi tipi di linee sono molto utili per creare mappe concettuali, come spiegheremo nel prossimo capitolo di questo tutorial.

7. Pittogrammi del selettore Picto e risultato finale.

Per finire questo tutorial in cui abbiamo esaminato tutti gli strumenti inclusi nel creatore di pittogrammi personalizzato, creeremo un pittogramma personalizzato sul “tempo e luogo in cui andremo a lavorare nell’area matematica“, un pittogramma che possono essere utili nella nostra agenda, programma o routine.

Per fare ciò, utilizzeremo tre dei pittogrammi di Picto Selector, spiegati nei capitoli precedenti.

Innanzitutto, introdurremo un pittogramma dell’orologio con l’ora di inizio dell’attività, come mostrato nell’immagine qui sotto.

Una volta inserita l’ora di inizio, introdurremo un Pittogramma con l’attività che andremo a svolgere, in questo caso il pittogramma dello studio.

Infine, introdurremo un pittogramma fotografico con l’immagine dell’aula in cui si svolgerà l’attività.

Una volta selezionati e inseriti tutti i pittogrammi, possiamo ridimensionarli e posizionarli ovunque nella finestra di lavoro fino ad ottenere il pittogramma personalizzato finale. Nel nostro caso, è stato come puoi vedere nell’immagine seguente. In questa immagine, abbiamo inquadrato due finestre che dobbiamo utilizzare per includere il glifo personalizzato nel database dell’elenco di glifi in modo da poterlo utilizzare nei nostri fogli di glifi.

Da un lato, dobbiamo indicare il Nome del pittogramma personalizzato e, quindi, faremo clic sul pulsante Salva. Nel nostro esempio, l’abbiamo chiamata “classe di matematica”.

8. Inserire pittogrammi personalizzati nell’elenco dei pittogrammi.

Pervisualizzare questo pittogramma personalizzato nell’elenco dei pittogrammi, torniamo al nostro foglio dei pittogrammi, seleziona Mostra pittogrammi -> Seleziona Set di simboli -> Attiva glifi personalizzati.

D’ora in poi, possiamo già contare sul nostro pittogramma personalizzato per inserirlo in qualsiasi foglio di pittogrammi o copiarlo nei nostri documenti o presentazioni.

9. Gestisci pittogrammi personalizzati.

Il Creatore di pittogrammi include l’opzione per gestire i glifi personalizzati. Da questa finestra, tra le altre opzioni, possiamo modificare o eliminare dall’elenco dei pittogrammi qualsiasi pittogramma che abbiamo creato, facilitandone la gestione.

10. Salvare il pittogramma personalizzato come immagine grafica.

Per concludere questo capitolo, possiamo solo commentare che possiamo salvare il pittogramma personalizzato come file grafico sul nostro computer. Per fare ciò, nella finestra Pittogram Creator, selezioneremo l’opzione Salva come immagine PNG. In questo modo si aprirà il nostro browser di file e potremo selezionare la cartella in cui vogliamo salvare questo nuovo file grafico.

D’ora in poi, possiamo inserirlo nei nostri documenti e presentazioni e persino usarlo in un editor grafico per creare composizioni.

Concludiamo qui questo capitolo sul creatore di glifi, anche se ti consigliamo di esplorarlo in modo più dettagliato una volta che avrai acquisito familiarità con l’intero ambiente grafico.

Selettore Picto – 10 – PICTOGRAMMA DI SCLERA

10. PICTOGRAMMA DI SCLERA

Video tutorial

Esercitazione

Come hai visto finora, le possibilità offerte da Picto Selector in termini di diversi tipi di pittogrammi per creare e adattare materiali di comunicazione sono straordinariamente utili. Continuiamo a spiegarvi altri quattro tipi di pittogrammi che, sicuramente, non avete utilizzato fino ad ora, ma che ci offrono molte nuove possibilità e che l’autore ha voluto metterci a disposizione.

Il pittogramma Sclera si basa sulla “bambola” che questo sistema di comunicazione gratuito usa come modello e che ci permette di creare avatar personalizzati. Quando clicchiamo sull’icona nella galleria dei pittogrammi, appare una finestra pop-up da cui possiamo configurare l’aspetto del nostro avatar, dall’espressione facciale, all’abbigliamento o ai movimenti degli arti superiori e inferiori.

Per modificare l’aspetto del nostro avatar, fai clic sul lato sinistro o destro di ciascuna delle opzioni ( < e ) e visualizzerai in anteprima come > apparirà. Ti consigliamo, prima di continuare, di cliccare su tutte le sezioni della skin e di configurare l’avatar in base al tuo obiettivo finale. Nel nostro caso abbiamo modificato le caselle che sono evidenziate in rosso e il risultato finale è stato questo:

Questo tipo di avatar ci permette di lavorare su diversi contenuti: discriminazione visiva, posizioni del corpo e, come nel nostro prossimo esempio, emozioni.

Nel nostro esempio abbiamo proposto un’attività per localizzare tutti gli avatar uguali al modello proposto, lavorando sul concetto “gioioso”.

Vediamo il risultato finale. Per fare ciò andiamo al menu File e selezioniamo l’opzione Stampa per visualizzare in anteprima il risultato ed eseguire una delle azioni: Salva come file PDF,Salva come file grafico o Stampa.

Selettore Picto – 9 – Menu contestuale del pittogramma

9. MENÙ CONTESTUALE DEI PITTOGRAMMI

Video tutorial

Esercitazione

Il modo migliore per spiegare alcune delle funzionalità più interessanti del menu contestuale dei pittogrammi è attraverso un esempio di foglio di pittogrammi.

In questo capitolo spiegheremo quanto segue:

1. Modificare il colore di sfondo dei pittogrammi.

2. Copia i pittogrammi nel nostro elaboratore di testi e nella nostra presentazione.

3. Colora i pittogrammi per creare l’effetto barrato.

4. Attivare/disattivare il bordo dei pittogrammi.

Nel nostro caso, creeremo un foglio di pittogrammi con le “Regole di classe“, anche se puoi considerare altri esempi.

Per fare ciò creeremo un foglio di pittogrammi, ma questa volta non seguiremo la procedura guidata. Direttamente, fai clic sulla casella nella colonna di sinistra Nuovo foglio di pittogrammi e quando appare la procedura guidata, faremo clic su Fine.

Puoi vedere che appare un nuovo foglio chiamato Nameless 1* (ricorda che l’asterisco significa che non l’abbiamo ancora salvato). Sul lato superiore, selezioniamo Stampa titolo (“Regole di classe”) e nelle schede dell’opzione Per pagina selezioniamo 3 colonne x 4 righe, perché il nostro foglio è costituito da una colonna su ciascun lato (azioni corretteazioni errate) e una colonna centrale con caselle vuote per creare una zona di separazione. Nello screenshot qui sotto, puoi vedere l’ordine del processo.

D’ora in poi, apriamo la finestra Mostra pittogrammi e selezioniamo i pittogrammi che andranno a comporre il nostro foglio. Se guardi lo screenshot seguente, vedrai che, poiché non possiamo lasciare nessuna cella vuota, abbiamo utilizzato l’icona Spazio vuoto, che si trova nella riga di pittogrammi tipica dell’applicazione.

Questo tipo di spazio vuoto non ha alcuna proprietà, né può avere alcun formato come il resto dei pittogrammi. La sua unica funzione è occupare uno spazio vuoto per dare un certo formato al nostro foglio.

Una volta compilato il nostro foglio con i pittogrammi corrispondenti, il risultato finale potrebbe essere questo:

Ora daremo più enfasi ai pittogrammi del nostro hoa per evidenziare le azioni che vi si riflettono.

1. Modificare il colore di sfondo dei pittogrammi.

Nel caso di pittogrammi che rappresentano l’idea di Bene e Male,vogliamo assegnare rispettivamente uno sfondo verde e uno sfondo rosso. Para ello, situamos el cursor encima de cada uno de ellos y pulsamos con el botón derecho del ratón para que aparezca el menú contextual con las opciones que podemos realizar. Nell’immagine seguente, vediamo tutte le possibilità offerte da questo menu contestuale.

Una volta aperto il menu di scelta rapida del pittogramma Buono,selezioniamo l’opzione Sfondo e, al suo interno, il colore Verde. Successivamente, ripetiamo la stessa azione con il pittogramma mal,ma assegnando il colore rosso. Nell’immagine qui sotto, abbiamo l’effetto finale di questa opzione su entrambi i pittogrammi.

2. Copia i pittogrammi nel nostro elaboratore di testi o nella nostra presentazione

Approfittando del cambiamento che abbiamo nel nostro pittogramma, vedremo altre due funzionalità molto interessanti del menu di scelta rapida: Copia in Word e Copia negli appunti.

Per fare ciò, apriamo un nuovo documento in Word in background. Andiamo al nostro foglio di pittogramma e ci troviamo sopra il pittogramma bien. Premiamo il tasto destro del mouse in modo che appaia il menu di scelta rapida e scegliamo l’opzione Copia in Word,Se torniamo al nostro documento in Word, vedremo che il nostro pittogramma appare con il formato che gli avevamo dato in Picto Selector.

Ecco il risultato finale, dopo aver copiato i due pittogrammi, Buono e Cattivo, su Word. Ora possiamo ridimensionarli a nostro piacimento per dare il tocco finale.

Possiamo usare l’opzione Copia negli appunti per copiare il glifo selezionato nel nostro elaboratore di testi o presentazione. In questo caso, non è necessario che l’elaboratore di testi sia aperto per poterlo eseguire, poiché l’immagine viene copiata negli appunti.

Questa opzione è molto interessante per copiare i nostri pittogrammi in qualsiasi presentazione di diapositive, come puoi vedere nell’immagine qui sotto.

3. Colora i pittogrammi per creare l’effetto barrato.

Successivamente, vedremo un’altra delle opzioni del menu contestuale dei pittogrammi che sarà molto utile per evidenziare il significato positivo o negativo di alcuni pittogrammi. Questo è Coloring, che abbiamo già spiegato in un capitolo precedente, ma qui lo faremo da questo menu contestuale.

Per fare questo, ci troviamo in cima a uno qualsiasi dei pittogrammi che ci mostrano un’azione corretta, ad esempio, Ascolta. Fare clic con il pulsante destro del mouse e, all’interno del menu di scelta rapida, selezionare Colore e, all’interno delle opzioni, Correggi.

L’effetto che otterremo è l’aspetto di un bastone verde trasparente sulla parte superiore del pittogramma, che evidenzia l’idea che si tratti di un’azione corretta. Realizamos la acción sobre todos los pictogramas que representan acciones correctas y éste es el resultado.

Ora posizioniamo il cursore del mouse sui pittogrammi che rappresentano azioni errate. Fare clic sul pulsante destro e selezionare Colore e, all’interno delle opzioni, Errato.

In questo caso, l’effetto che otterremo è l’aspetto di una lama rossa sulla parte superiore del pittogramma,evidenziando l’idea che si tratti di un’azione non appropriata.

Come abbiamo già accennato, se utilizziamo il menu di scelta rapida su uno di questi nuovi pittogrammi e selezioniamo l’opzione Copia in Word o Copia negli appunti,avremo questi pittogrammi nel nostro documento di testo o nella nostra presentazione, come ti mostriamo nella seguente schermata.

Non ci resta che andare al menu File,selezionare Stampa e possiamo visualizzare in anteprima il nostro foglio di pittogrammi e selezionare l’opzione da realizzare: salva come documento PDF, come file grafico o Stampa.

4. Attivare/disattivare il bordo dei pittogrammi.

In alcune occasioni, potremmo essere interessati ad avere alcuni o tutti i pittogrammi sul nostro foglio con un Bordo. Nonostante abbiamo già spiegato come attivare il bordo facendo doppio clic sui glifi e selezionando questa opzione, il menu contestuale dei glifi ci permette anche di Attivare o Disattivare il bordo.

Come nelle funzionalità precedenti, ci posizioniamo sopra un pittogramma e premiamo il tasto destro del mouse. Nel menu contestuale che appare selezioniamo Bordo e scegliamo tra Attivato o Disattivato.

Possiamo eseguire questa azione su ciascuno dei pittogrammi oppure possiamo selezionarli tutti trascinandoci sopra con il mouse. L’effetto finale sarà quello mostrato nell’immagine seguente.

Abbiamo anche un’altra opzione molto interessante nel menu contestuale che ci consente più funzioni per configurare il bordo. Queste sono le impostazioni del bordo.

Quando si seleziona questa opzione, viene visualizzata una finestra pop-up da cui è possibile utilizzare il bordo e configurare la larghezza, lo stile, il colore e il grado di arrotondamento dei pittogrammi selezionati.

Se disattiviamo l’opzione Modifica solo l’opzione selezionata, le modifiche verranno applicate a tutti i pittogrammi.

Una volta apportate tutte le modifiche, andiamo nel menu File e selezioniamo Stampa. Ora possiamo visualizzare in anteprima lo stato finale del nostro lavoro e selezionare l’opzione da eseguire: salva come documento PDF, come file grafico o Stampa.

Come abbiamo già sottolineato, tutte queste funzionalità ci saranno molto utili nella creazione di materiali adattati con diversi contenuti e attività.

Selettore Picto – 7 – Inserisci foto

7. INSERIRE FOTO

Video tutorial

Esercitazione

Continuiamo in questo capitolo con un altro tipo di pittogramma che ci permetterà di inserire immagini e fotografie dal computer. Questo è il pittogramma fotografico.

Il pittogramma della foto è rappresentato da una macchina fotografica e quando facciamo clic sull’icona, appare una finestra pop-up in cui la prima azione che dobbiamo eseguire è Apri foto

Una volta selezionata l’opzione, viene visualizzata la finestra del nostro Esplora risorse, in cui dobbiamo individuare la nostra immagine e fotografia sul computer, selezionarla e aprirla, come appare nella schermata seguente.

Successivamente, possiamo inserirlo direttamente nel nostro foglio di pittogrammi,premendo il pulsante Ok.

Nel nostro caso, vogliamo che appaia solo il volto della madre, poiché lo useremo come riferimento. Picto Selector ci consente di ritagliare l’immagine della nostra fotografia fino ad ottenere l’immagine desiderata. Per fare ciò, posizioniamo il cursore su una qualsiasi delle linee nere che incorniciano l’immagine sul lato sinistro e iniziamo a spostare ciascuna di esse verso l’interno dell’immagine,fino a quando non riusciamo a inquadrare il volto della madre. Nell’immagine sul lato destro, possiamo visualizzare in anteprima le modifiche.

Poiché la nostra immagine della madre non è un quadrato perfetto, notiamo che alcuni margini neri appaiono su entrambi i lati dell’immagine. Possiamo risolvere questo dettaglio, se nell’opzione Sfondoselezioniamo il colore Bianco. Nell’immagine qui sotto, puoi vedere in anteprima sul lato destro come apparirà l’immagine sul nostro foglio pittogramma. Resta solo da cliccare sul pulsante Ok e abbiamo già la nostra immagine inserita nel foglio.

Una delle grandi implementazioni che Picto Selector incorpora è la possibilità di inserire immagini e fotografie nel nostro foglio di pittogrammi direttamente dal nostro browser.

Per fare ciò, ripristina la pagina del browser a una dimensione in cui possiamo visualizzare il nostro foglio glifo di seguito. Cerchiamo la fotografia desiderata nel browser e la trasciniamo con il mouse sul nostro foglio pittogramma. Aspettiamo qualche secondo che compaia una casella con il simbolo + e, in quel momento, rilasciamo l’immagine che viene automaticamente inserita nel foglio.

Poiché non è un’immagine quadrata perfetta e vogliamo anche ritagliarla per centrare l’immagine del cane, facciamo doppio clic su di essa e si aprirà la finestra di modifica del pittogramma della foto. Ora seguiamo le istruzioni che ti abbiamo dato sopra per ottenere l’effetto desiderato.

Una volta che l’immagine del cane è stata modificata ed è stato ottenuto l’effetto desiderato, non ci resta che cliccare su ok e inserirlo nel nostro foglio di pittogrammi.

Sfruttando i pittogrammi fotografici combinati con i pittogrammi ARASAAC, abbiamo sviluppato un esercizio per lavorare sulla corretta costruzione delle frasi.

Vediamo il risultato finale. Per fare ciò andiamo al menu File e selezioniamo l’opzione Stampa per visualizzare in anteprima il risultato ed eseguire una delle azioni: Salva come file PDF,Salva come file grafico o Stampa.

Selettore Picto – 6 – Pittogrammi dell’orologio

6. PITTOGRAMMI DELL’OROLOGIO

Video tutorial

Esercitazione

Oltre ai database di pittogrammi, Picto Selector offre la possibilità di utilizzare altri tipi di pittogrammi generati dall’applicazione stessa che possono essere molto utili per la creazione e l’adattamento dei materiali.

Iniziamo usando il pittogramma dell’orologio e il pittogramma dell’ora.

Il pittogramma dell’orologio consente di generare orologi analogici, digitali e LED per inserire l’ora in cui si intende iniziare o terminare un’attività. Pertanto, questo tipo di pittogramma può essere utilizzato, tra le altre attività, per elaborare routine,anticipazioni eorari.

La configurazione del pittogramma dell’orologio è molto semplice. Dobbiamo inserire l’ora nella scheda Tempo e configurare iltipo di orologio, lo sfondo,il colore delle lancette e il colore delle zecche delle ore e dei minuti. Possiamo anche aggiungere un bordo o colorarlo prima di inserirlo nel nostro foglio

Qui vediamo diversi esempi di come possono apparire i nostri orologi. Ti invitiamo a provare tutte le configurazioni finché non trovi quella adatta al tuo obiettivo.

Il pittogramma temporale indica il periodo in cui dobbiamo eseguire un’attività o il tempo di attesa.

La configurazione del pittogramma temporale è simile a quella del pittogramma dell’orologio. Possiamo configurare il tipo di orologio, lo sfondo,il colore delle lancette e il colore delle zecche delle ore e dei minuti. Possiamo anche aggiungere un bordo o colorarlo prima di inserirlo nel nostro foglio. L’unica differenza è che qui invece di mettere un tempo specifico, dobbiamo inserire iminuti necessari nella scheda Minuti per eseguire l’attività o il tempo di attesa.

Qui hai diversi esempi di come possono apparire i tuoi orologi. Ti incoraggi di nuovo a provare tutte le configurazioni finché non trovi quella adatta al materiale che stai per realizzare.

Combinando i pittogrammi dei due tipi di orologio con i pittogrammi di ARASAAC,abbiamo creato questa routine di esempio.

Vediamo il risultato finale. Per fare ciò andiamo al menu File e selezioniamo l’opzione Stampa per visualizzare in anteprima il risultato ed eseguire una delle azioni: Salva come file PDF,Salva come file grafico o Stampa.

Picto Selector – 5 – La mia prima scheda con Picto Selector

5. LA MIA PRIMA SCHEDA CON SELETTORE PICTO

Video tutorial

Esercitazione

Alla fine del capitolo precedente, seguiamo, passo dopo passo, l’intera procedura guidata per creare il nostro foglio pittogramma con Picto Selector e configurare il formato del nostro primo foglio di pittogramma.

Apparentemente, quando arriviamo alla fine della procedura guidata e accettiamo le impostazioni, le nostre righe e colonne non vengono visualizzate nella schermata di creazione, ma sono lì.

Creiamo il nostro primo foglio di pittogrammi: “Circonda gli animali chevolano“, seguendo i seguenti passaggi che dettagliamo di seguito:

1. Ricerca pittogrammi nella finestra Elenco pittogrammi

Per fare ciò facciamo clic su Mostra pittogrammi in modo che appaia la finestra pop-up Elenco di pittogrammi,da cui trascineremo i pittogrammi sul nostro foglio.

Possiamo ridimensionare la finestra del pittogramma per renderla più piccola e avere una maggiore visibilità del nostro foglio di pittogramma.

Ora nella casella di ricerca della finestra, iniziamo a digitare il nome dei glifi che utilizzeremo. Prima di tutto, cerchiamo di “Circondare“. Ricorda: quando cerchiamo i verbi in Picto Selector,lo faremo usando l’infinito, anche se possiamo cambiare il nome in seguito.

Per spostare i pittogrammi sul foglio,possiamo usare due azioni: trascinare il pittogramma premendo il mouse su di esso o fare doppio clic sul pittogramma. Una delle due opzioni inserirà il pittogramma scelto nel nostro foglio.

Puoi verificare che abbiamo già il nostro primo pittogramma e possiamo anche visualizzare in anteprima l’aspetto del nostro foglio nella finestra Anteprima.

2. Modifica del nome del pittogramma

Quando spostiamo un pittogramma dall’elenco dei pittogrammi al foglio, scopriremo che, in alcune occasioni, il pittogramma appare con diverse parole associate. Questo perché Picto Selector sposta il pittogramma con tutti i significati che ha associato nel database ARASAAC. Per modificare il nome del pittogramma e alcune delle opzioni associate, fare doppio clic su di esso e viene visualizzata la finestra Pittogramma. Ora possiamo cambiare il nome del nostro pittogramma “draw, surround” in“CIRCONDARE”.

Puoi anche vedere che l’autore ci fornisce altre opzioni che abbiamo disattivato nella procedura guidata. Il bordo è una di queste opzioni a cui possiamo tornare di nuovo da questa finestra. Se lo attiviamo, il bordo verrà assegnato a questo specifico pittogramma.

3. Modificare l’aspetto del nostro pittogramma

Possiamo anche cambiare il formato grafico del glifo facendo clic sulla scheda Prima della colorazione. In questo modo, abbiamo diverse opzioni che possono essere molto interessanti: pittogramma in negativo,pittogramma in scala di grigi, capovolgimento e rotazione del pittogramma. Puoi fare dei test per vedere come cambia l’aspetto del pittogramma.

Possiamo anche utilizzare l’opzione Colora il pittogramma, scegliendo dalla gamma di colori del nostro computer.

E infine, possiamo cambiare lo Sfondo del pittogramma. Per fare ciò, selezioniamo il colore desiderato nell’opzione Sfondo.

Possiamo accedere a tutte queste opzioni e molte altre, posizionando il cursore sui pittogrammi e premendo il tasto destro del mouse. Come vi abbiamo già detto e vi ripeteremo ancora una volta, l’autore duplica le opzioni in molte occasioni in modo che possiate accedervi il più rapidamente possibile.

4. Aggiunta dei pittogrammi per creare il nostro foglio

Nel nostro esempio, non modificheremo nessuna di queste funzionalità per semplificare il processo, ma puoi eseguire tutti i test che desideri.

Ora non ci resta che cercare e trascinare i pittogrammi che andranno a comporre il nostro foglio di pittogrammi.

Picto Selectorordina i pittogrammi da sinistra a destra seguendo l’ordine delle righe e delle colonne che abbiamo stabilito. In alcune occasioni, vogliamo cambiare la posizione del pittogramma sul foglio. Per fare ciò abbiamo due opzioni: trascinare il pittogramma con il mouse nella posizione desiderata e rilasciarlo oppure possiamo selezionarlo e utilizzare le frecce direzionali per spostarlo nella posizione desiderata, come puoi vedere nella seguente schermata.

Se vogliamo rimuovere uno qualsiasi dei pittogrammi dal nostro foglio,non ci resta che posizionarci sopra e premere il tasto Canc. Se guardi di nuovo l’acquisizione precedente, possiamo anche utilizzare l’opzione Elimina facendo clic con il pulsante destro del mouse sul pittogramma. Possiamo eliminarli uno per uno o se ne selezioniamo diversi, possiamo eliminarli tutti in una volta.

La selezione congiunta di più pittogrammi ci consente anche di modificare tutte le opzioni insieme, il che può farci risparmiare molto lavoro.

Possiamo anche selezionare uno o più pittogrammi da copiare e incollare sul nostro foglio se stiamo lavorando, ad esempio, su un’attività di discriminazione visiva.

Dopo aver cercato, inserito e modificato i pittogrammi, il foglio è rimasto così:

Dobbiamo solo salvare il nostro foglio di pittogrammi in modo che la prossima volta che apriamo Picto Selector, appaia tra i fogli che abbiamo già salvato. Noterai che il nostro nuovo foglio appare nella finestra Fogli con un asterisco * accanto ad esso. Ciò significa che non è ancora archiviato nell’applicazione.

5. Salva il nostro foglio di pittogrammi

Andiamo in alto a destra e clicchiamo sul pulsanteSalva. Automaticamente, l’asterisco scompare*. L’asterisco appare quando creiamo un nuovo foglio di pittogrammi o quando apportiamo modifiche a uno che abbiamo salvato e ci avverte che il foglio nuovo o modificato non è stato ancora salvato. Questo tipo di salvataggio implica che il foglio pittogramma sia memorizzato all’interno dell’applicazione stessa e per l’utente attivo. Se vogliamo salvarlo sul nostro dispositivo per aprirlo in uno diverso o inviarlo a qualcun altro, dobbiamo seguire le istruzioni nel passaggio 7. Esporta e importa fogli di pittogrammi, che troverai di seguito.

6. Visualizza in anteprima, salva come immagine/pdf e stampa il nostro foglio pittogramma

Ora eseguiremo diverse opzioni che l’applicazione ci fornisce. Per fare ciò, selezionare nel menu File l’opzione di Stampa.

In questa schermata anteprima di stampa,possiamo salvare il file come PDF, salvare come file grafico da inserire in un documento o una presentazione e stampare direttamente dalla nostra stampante.

Questa finestra può anche essere utilizzata per visualizzare in anteprima l’avanzamento del nostro foglio di pittogramma. Se lo utilizziamo per questo, dovremo solo fare nuovamente clic sul pulsante Chiudi e torneremo all’edizione del nostro foglio di pittogrammi.

Possiamo anche accedere alle opzioni di Salva il file come PDF,Salva come file grafico e Stampa dalle opzioni del menu File.

Il nostro consiglio è di costruire diversi fogli seguendo le istruzioni che abbiamo indicato, soprattutto per familiarizzare con tutti i menu, le opzioni e le funzionalità che questo fantastico strumento ci offre.

7. Esporta e importa fogli di glifi.

Se vogliamo salvare il foglio pittogramma sul nostro computer o su un dispositivo di archiviazione,dobbiamo utilizzare il Opzione Esporta fogli …, che troverai nel menu File. Il nostro foglio verrà salvato con tutto il contenuto e il formato che abbiamo inserito.

Quando vogliamo aprire questo foglio di pittogrammi su un altro computer, andremo su Importa fogli … nel menu File. Cerchiamo con il browser il luogo in cui abbiamo memorizzato il file, lo selezioniamo e facciamo clic su Apri.

Prima di importare il foglio, verrà visualizzata una finestra pop-up con un’anteprima dello stesso. Non ci resta che segnare in basso Aggiungi importato al foglio in modo che tutti gli elementi salvati vengano trasferiti e fare clic su Importa.

Infine, abbiamo già importato il foglio del pittogramma nel nuovo dispositivo. Dobbiamo solo fare clic sul pulsante Salva in modo che venga archiviato nella nostra prossima sessione e abbiamo già terminato l’importazione.

Selettore Picto – 3 – Esporta i pittogrammi nel nostro elaboratore di testi o nella presentazione

3. ESPORTA I PITTOGRAMMI NEL NOSTRO ELABORATORE DI PAROLE O IN PRESENTAZIONE

Video tutorial

Esercitazione

Una volta aperta l’applicazione Picto Selector e prima di utilizzarla per il suo scopo principale, vedremo un trucco che ci aiuterà enormemente durante la creazione e l’elaborazione di materiali con il software che utilizziamo come elaboratore di testi o come creatore di presentazioni.

Per fare ciò, fai clic sulla finestra in alto a sinistra Mostra pittogrammi e apparirà una finestra pop-up chiamata Elenco dei pittogrammi. Come possiamo vedere, Picto Selector utilizza diversi database di pittogrammi liberamente distribuiti,incluso il database completo di pittogrammi ARASAAC.

Per attivare o disattivare un database di pittogrammi,fare clic su Seleziona set di simboli. Nel nostro caso, lasceremo solo i seguenti attivati ​​da tutti i database:

              • Set di simboli ARASAAC,
              • ARASAAC Set di simboli in bianco e nero e
              • Pittogrammi personalizzati.

Questi ultimi due database di pittogrammi non compaiono ancora nel tuo elenco, ma spiegheremo in seguito come installarli. Per ora, ti lasciamo una composizione di cattura con tutti i passaggi che dobbiamo seguire.

Una volta stabiliti i database di pittogrammi che utilizzeremo, fai clic su Ok e abbiamo il nostro nuovo nell’Elenco dei pittogrammi nella finestra con il database che abbiamo selezionato.

E ora ti spieghiamo uno di quei trucchi che ti saranno molto utili. Per fare ciò dobbiamo attivare l’icona Pin che appare in alto a sinistra di questa finestra, come ti mostriamo nella seguente schermata:

Eseguendo questa azione di attivazione dell’icona Pin,la nostra finestra pop-up sarà in primo piano sopra qualsiasi altra applicazione che apriamo. Questa finestra è ridimensionabile dai lati e dal basso.

Successivamente, apriamo Microsoft Word o OpenOffice Write,a seconda di quello che hai installato sul tuo computer. Come possiamo vedere, la finestra si trova sopra il nostro documento di testo.

Nella casella di ricerca digiti la parola Cavallo e vedrai l’intero elenco di pittogrammi che hanno questa stringa di caratteri. Prova a trascinare i pittogrammi nel documento di testo e accadrà quanto segue:

Abbiamo già il nostro pittogramma inserito nel documento di testo.

Nell’esempio seguente, ti mostriamo un modo rapido per creare schede nel tuo elaboratore di testi utilizzando la finestra Elenco pittogrammi.

Naturalmente, possiamo modificare il formato dell’immagine del cavallo,adattandolo alle tue esigenze.

Questa stessa azione può essere eseguita nel nostro creatore di diapositive,che faciliterà l’inserimento rapido dei pittogrammi che useremo nelle diverse diapositive.

Picto Selector – 2 – Installazione

2. INSTALLAZIONE

Video tutorial

Esercitazione

Per scaricare e installare l’applicazione Picto Selector,dobbiamo aprire il sito Web Picto Selector nel nostro browser.

Una volta dentro, scendi usando lo scorrimento dello schermo e fai clic sul pulsante +INFO nella sezione 1 DOWNLOAD.

Il browser rileva il sistema operativo del nostro computer e ci offre l’installazione su Windows o Mac.

Fare clic sul pulsante PICTO-SELECTOR DOWNLOAD e la finestra di download del file di installazione apparirà setup_complete. Non ci resta che salvare il file in qualsiasi cartella sul nostro computer.

Durante il processo di installazione, non ci resta che seguire i passaggi che appaiono sullo schermo fino a raggiungere l’ultima casella e utilizzare il pulsante Installa.

Una volta terminato il processo di installazione, sullo schermo viene visualizzata una finestra da cui possiamo avviare l’applicazione per la prima volta. Vedrai anche l’icona Di Selettore Di Picto sul desktop.

Poiché Picto Selector può funzionare in rete ed essere utilizzato da più utenti,quando avvii per la prima volta ti chiederà un nome utente. In questo modo, può essere utilizzato da persone diverse quando il computer è condiviso e salvare le opere di ciascuno separatamente.

Se si intende utilizzare il computer per uso personale, si consiglia di utilizzare l’account Administrator, che viene visualizzato per impostazione predefinita.

Una delle grandi implementazioni di Picto Selector è che, ogni volta che avviamo l’applicazione, si connette con il database principale e ti avvisa dei nuovi aggiornamenti dell’applicazione e dei nuovi pittogrammi aggiunti, in modo che tu possa procedere ad effettuare gli aggiornamenti di entrambi sul tuo computer. In questo modo, Picto Selector sarà sempre aggiornato all’ultima versione e conterrà tutti i pittogrammi aggiornati alla data corrente.